La Tuscia .com - Rocca Farnese - Capodimonte

Home > Capodimonte >

Rocca Farnese

Pensando al passato si può certamente affermare che il territorio di Capodimonte sia stato frequentato dalle epoche più remote, come ampiamente dimostrato dalle importantissime scoperte di epoca preistorica (numerosi reperti litici risalenti anche al Paleolitico), protostorica (le grandi piroghe monoxili,), nonchè numerosissimi ritrovamenti di epoca villanoviana, etrusca e romana provenienti per la maggior parte dalla città di Visentum, che sorgeva sul monte Bisenzo, dove oggi è stato realizzato un parco archeologico naturalistico.
Grazie al nobile casato dei Farnese, valenti artisti dell'epoca hanno lasciato opere di notevole importanza storica artistica tra cui la mole ottagonale della Rocca, ristrutturata negli anni 1510 - 1513 da Antonio Giamberti detto il Sangallo il Giovane, nell'isola Bisentina la chiesa dei S.S. Giacomo e Cristoforo di Jacopo Barozzi detto il Vignola e l'edicola ottagonale del Sangallo il Giovane, degnamente segnalata dal Vasari realizzata vicino la "Malta", segnalata da Dante Alighieri nella Commedia.
Questa era una tremenda prigione fatta realizzare sotto terra dal Cardinale Albornoz per gli eretici e ricordata da Dante nella Divina Commedia.
Sempre nell'isola Bisentina, due delle sette piccole chiesette esistenti sono decorate da affreschi realizzati da pittori quattrocenteschi, forse della scuola di Benozzo Gozzoli, (alcuni critici attribuiscono i disegni della cappella della Trasfigurazione al pittore Melozzo da Forl").
Nel 1537 il cardinale Alessandro Farnese, divenuto papa con il nome di Paolo III, costituì il Ducato di Castro e gli abitanti di Capodimonte e Bisenzo giurarono fedeltà ai Farnese.
Nel 1649, a seguito della distruzione della capitale del ducato Castro i due paesi passarono sotto il diretto dominio della Chiesa e sottoposti alla giurisdizione della Reverenda Camera Apostolica.
Bisenzo con il passare del tempo perse ogni importanza e si spopolò progressivamente anche a causa della malaria provocata dal vicino Lagaccione, oggi prosciugato e nel 1816 Pio VII aggregò la sua comunità, ridotta a poche famiglie, a quella capodimontana.

ALTRI LUOGHI DA VISITARE A Capodimonte:

» Isola Bisentina
idee arredamento,arredare la casa arredo bagno,ceramica sanitari,vasche da bagno mobili da giardino,arredamento giardino arredo ufficio,mobili da ufficio mobili da cucina,cucine componibili arredamento casa,soggiorni,divani camere da letto,letti,armadi

Informazioni generali
Capodimonte


Abitanti: 1700
Come arrivare a Capodimonte:
Da Roma, via Cassia fino al km 88 (tra Viterbo e Montefiascone), quindi bivio per Capodimonte
Distanze:
Viterbo Km. 25.. Roma Km. 124. Firenze Km. 206. Siena Km. 122. Perugia Km. 106. Orvieto Km. 40. Mare (Montalto di Castro) Km. 40.



Fattoria biologica Lucciano - Civita Castellana
fattoria lucciano
Azienda agricola biologica - Allevamento e vendita di carni bio, produzione di olio d'oliva biologico. Possibilità di consegna a domicilio dei prodotti bio

azienda agricola biologica Cupidi
Fattoria didattica - Presenta i suoi percorsi didattici, al fine di promuovere e far conoscere l'agricoltura. Produzione di uova biologiche.
Festa di San Famiano

Dormire a Capodimonte

» Agriturismo a Capodimonte
» Bed and Breakfast a Capodimonte
» Hotel Albergo a Capodimonte
» Campeggio a Capodimonte

Mangiare a Capodimonte

» Ristorante a Capodimonte
» Pizzeria a Capodimonte

Ultime notizie da Capodimonte

»
Tiberweb - Promozione e realizzazione siti web Viterbo