La Tuscia .com - Comune di San Martino al Cimino (VT - Lazio): notizie, foto, video, eventi e sagre

Home > Comuni della Tuscia >

San Martino al Cimino

L’abitato seicentesco (preziosa testimonianza di urbanistica barocca), cui si accede da due porte, è dominato dalla chiesa abbaziale e dal palazzo Doria-Pamphili. La prima costituisce la testimonianza più spettacolare di un'antica abbazia eretta dai cistercensi di Pontigny agli inizi del XIII secolo. Nella facciata, circondata da due torri campanarie seicentesche (progettate dal Borromini), sormontate da cuspidi piramidali, si apre una grande polifora gotica; notevole la parte esterna dell'abside a forma poligonale con doppio ordine di monofore. Il solenne interno, a croce latina con volte a crociera a tre navate divise da archi ogivali sorretti, alternativamente, da pilastri cruciformi e colonne, richiama lo stile borgognone, rappresentando uno dei più singolari esempi di arte gotica nel Viterbese. Lo stemma sul capitello della prima colonna di destra della navata centrale verso l'altare (la più antica e rara testimonianza della costruzione originaria) è del cardinale Francesco Todeschini Piccolomini. Nel transetto di destra è custodito un pregevole stendardo di Mattia Preti (1613-1699) raffigurante San Martino a cavallo nell'atto di donare il mantello ad un povero (nel retro, Cristo in pietà). In quello di sinistra è collocato un organo (inizi Novecento) a trasmissione meccanica proveniente da una chiesa anglicana. La cancellata barocca con insegne pamphiliane (inizio della navata destra) accoglie un fonte battesimale del Seicento. Sul pavimento della nave centrale (presso l'ingresso) una grande lapide di marmo, dettata nel XVII secolo dalla principessa Olimpia Maidalchini, ricorda il cardinale Raniero Capocci, benefattore della costruzione, e il cardinale Francesco Piccolomini, committente di concreti rifacimenti dell'abbazia nel XV secolo. Un'altra lapide marmorea, nel presbiterio, è posta sulla tomba della principessa Olimpia, cui si deve, intorno alla metà del XVII secolo, la costruzione del palazzo sopra alcune strutture abbaziali e il restauro della sala capitolare che si apre sullo spazio dove un tempo sorgeva il chiostro. I progetti hanno anche riguardato il nuovo assetto urbanistico dell'abitato che presenta una delle prime forme di casette popolari a schiera. Il palazzo Doria-Pamphili, completamente ristrutturato negli anni Ottanta del secolo scorso dall'allora Ente provinciale per il Turismo di Viterbo, accoglie un centro congressuale e culturale.

LUOGHI DA VISITARE A San Martino al Cimino:

» Abbazia di San Martino
EVENTI E MANIFESTAZIONI A San Martino al Cimino:

» Sagra della Castagna e della Caldarrosta - Ottobre

idee arredamento,arredare la casa arredo bagno,ceramica sanitari,vasche da bagno mobili da giardino,arredamento giardino arredo ufficio,mobili da ufficio mobili da cucina,cucine componibili arredamento casa,soggiorni,divani camere da letto,letti,armadi

Informazioni generali
San Martino al Cimino


Abitanti: 3865
Come arrivare a San Martino al Cimino:
Da Roma, via Cassia fino a Monterosi, quindi deviazione per Ronciglione e San Martino al Cimino.
Distanze:
Viterbo Km. 5. Roma Km. 69. Firenze Km. 215. Siena Km. 171. Perugia Km. 106. Orvieto Km. 59. Mare (Tarquinia) Km. 41.



Fattoria biologica Lucciano - Civita Castellana
fattoria lucciano
Azienda agricola biologica - Allevamento e vendita di carni bio, produzione di olio d'oliva biologico. Possibilità di consegna a domicilio dei prodotti bio

azienda agricola biologica Cupidi
Fattoria didattica - Presenta i suoi percorsi didattici, al fine di promuovere e far conoscere l'agricoltura. Produzione di uova biologiche.
Festa di San Famiano

Dormire a San Martino al Cimino

» Bed and Breakfast a San Martino al Cimino
» Hotel Albergo a San Martino al Cimino

Mangiare a San Martino al Cimino

» Ristorante a San Martino al Cimino
» Pizzeria a San Martino al Cimino
» Trattoria a San Martino al Cimino

Ultime notizie da San Martino al Cimino

» » » »
Tiberweb - Promozione e realizzazione siti web Viterbo